1 torta + 2 farciture : che bonta!!! (glutenfree)

MTC PAN DI SPAGNA (5)

Eccoci alle prese con un classico della pasticceria, che come tutte le ricette super conosciute nasconde insidie in ogni passaggio

Dunque oggi le Tre Civette affronteranno il Pan di Spagna!

Ovviamente il nostro è un Pan di Spagna senza fecola e senza farina bianca. 

Rispetto alla ricetta tradizionale, ci siamo buttate sulla farina di mandorle,  e sostituito lo zucchero bianco con quello zucchero integrale di cocco.

Per completare a dovere la torta (con una farcitura, come vedrete,  eseguita in due varianti) abbiamo adoperato la ricotta di bufala, la marmellata a basso IG, il succo di arancia e le fragole.

Continue reading “1 torta + 2 farciture : che bonta!!! (glutenfree)”

Tortini tiepidi di ricotta di capra e pesto

Tortini tiepidi di ricotta di pecora e pesto (2)

Secondo antipasto delle feste.

Un semplice tortino di ricotta di pecora e uova, al quale darete una sferzata di gusto con due cucchiaiate di pesto.

 

Tortini tiepidi di ricotta di pecora e pesto (4)

Tortini tiepidi di ricotta di capra e pesto

(IG bassissimo, no glutine)

 

Ingredienti

Dose per 4 miniteglie da 7 cm di diametro
200 gr ricotta di capra
2 uova intere
60 gr formaggio grana – grattugiato
4 cucchiai di pesto
No sale
 pupazzoneve_

Cottura

180 gradi
20 minuti

 

Preparazione

Accendete il forno a 180 gradi.

In una ciotola mescolate la ricotta con le uova e il formaggio grana grattugiato. Non aggiungete sale, la ricotta è già molto saporita, il pesto farà il resto.

#immargarinate quattro miniteglie (o una teglia più grande se non le avete). Dividete l’impasto nelle teglie e battetele un attimo sul tavolo per assestarlo.

Infilate i tortini nel forno.

Non appena saranno cotti estraeteli e rovesciateli sui piatti versandogli sopra una cucchiaiata abbondante di pesto.

 Tortini tiepidi di ricotta di pecora e pesto (1)

Biscotti al cucchiaio: Mandorle e Ricotta di bufala

Biscotti al cucchiaio mandorle e ricotta 8

Oggi biscotti al cucchiaio per dessert!

Quindi una cosa semplice, un dolce da panetteria, non elaborato né curato nei dettagli, ma semplicemente impastato e buttato a cucchiaiate sulla placca del forno.

In questa versione l’ho impucciato nel cioccolato fuso.

Gli ingredienti principali sono le mandorle, la ricotta di bufala e la margarina senza grassi idrogenati.

Come aggiunta di sapore ho pensato alla cannella. Voi potreste optare per il cocco, il limone, lo zenzero, il rum…Oppure potreste aromatizzare il cioccolato con del caffè o delle bucce di arance.

 Biscotti al cucchiaio mandorle e ricotta 6

 

Biscotti al cucchiaio di Mandole e Ricotta di bufala

(no glutine, no lievito)

 

Tempi

10 minuti + 25 di cottura + il raffreddamento del cioccolato

Biscotti al cucchiaio mandorle e ricotta 1

Ingredienti

Per 10 biscotti
100 gr mandorle – tritate
70 gr ricotta a basso IG (di bufala o di pecora) per me bufala
20 gr margarina senza grassi idrogenati
20 gr sciroppo di agave
1 uovo
Cannella

 

Per la farcitura
50 gr cioccolato fondente al 70% di cacao
100 ml latte di soia o capra

 

Cottura

25  minuti
160 gradi

 

Preparazione

Tritate le mandorle e mescolatele a tutti gli altri ingredienti.  Verrà fuori qualcosa di molto morbido.

Prendete l’impasto e posatelo a cucchiaiate sulla placca del forno precedentemente rivestita di carta da forno.

Fate cuocere 25 minuti a forno basso, 160 gradi.

Intanto spezzettate il cioccolato a quadretti e fatelo sciogliere a bagno maria con il latte di soia.

Biscotti al cucchiaio mandorle e ricotta 2
Estraete i biscotti, staccateli dalla carta da forno e fateli raffreddare.
Quindi immergete un’estremità dei biscotti nel cioccolato fuso e poggiateli su una gratella per far solidificare la copertura di cioccolato.

 Biscotti al cucchiaio mandorle e ricotta 4

Non so molto sulla provenienza del piattino e del bricco della foto, a parte il fatto che sono inglesi. Io li ho presi, spaiati, al mercatino del brocante di Nizza. Quello del lunedì. Comunque anche se sono del mercatino dell’usato fanno una gran figura, non è vero?

La rosa invece è del mio giardino.

Ma il merito della sua bellezza non è assolutamente il mio…