Food Blog stranieri: in questa categoria recensisco food blogger stranieri che mi piacciono, per il loro stile e per la loro cucina.

Paulina Cocina: simpatia in cucina

www.paulinacocina.net

Paulina Cocina, coinvolgente, stravagante e con un pizzico di pazzia che non guasta mai. Paulina G. Roca è questo e molto più di questo.

Una vera e propria esplosione di simpatia argentina condensata in un food blog concepito a sua immagine e somiglianza. Basta dare una rapida occhiata alla Home per rendersene conto… e finirne travolti!

Farcito di foto e video in cui la padrona di casa ci dà la sveglia con la sua carica e i suoi consigli di “cocinera casera”, PAULINA COCINA è soprattutto un caleidoscopio di ricette che prendono il sopravvento sul buongustaio più esigente come su quello alla ricerca di menù semplici ma sempre pensati con una cura invidiabile sia per la presentazione che per la tecnica. Il tutto condito con un’allegria e una verve così contagiose da rendere spassoso il sol pensiero di mettersi ai fornelli, magari per una gioiosa mangiata in bella compagnia.

Continue reading “Paulina Cocina: simpatia in cucina”

food blogger stranieri

MAMA ÌA il blog di Natacha Sanz Caballero

MAMA ÌA il food blog di Natacha Sanz Caballero: “Cucinare spagnolo in America”.

MAMA ÌA si apre con questo claim che centra sia il cuore della missione che l’autrice si è data, sia la pancia degli appassionati di cucina spagnola che lo visitano.

Una sorta di diario in cui la padrona di casa, nata in Spagna ma statunitense di adozione, oltre a presentarci le ricette della sua terra adattate sugli ingredienti disponibili nel Midwest degli USA, ci racconta anche una fetta del suo mondo familiare; attuale e del passato. Il tutto corredato da foto di ottima fattura, spesso realizzate dalla stessa autrice; eleganti e con un che di ammiccante quando riguardano le pietanze, solari e ben bilanciate quando si tratta di mostrare i luoghi a esse collegate. Lo stile dei contenuti è sempre confidenziale. 

Continue reading “MAMA ÌA il blog di Natacha Sanz Caballero”