La cucina incantata

Le ricette tratte dai film di Hayao Miyazaki

Diciamo le cose come stanno. Hayao Miyazaki è il maestro della magia, della leggerezza, della fantasia, della sensibilità, ma è un uomo serissimo.

Ha fatto della sua passione un lavoro maniacale, della sua arte un’ossessiva ricerca della perfezione, della sua professione una dedizione totale. 

Il suo enorme potere immaginifico, le sue metafore eleganti, le sue creature sorprendenti, la sua animazione curata e poetica, rendono il suo cinema un vivo piacere per gli occhi e per il cuore. 

Perché i suoi film contengono messaggi umani, sociale ed etici.

Il tutto condito da colori sfavillanti, panorami suggestivi, brani sognanti e un omaggio perpetuo a Madre Natura

La cucina incantata: trama 

Se siete fan di Hayao Miyazaki o se avete una passione sfrenata per il cibo giapponese, questo ricettario fa proprio al caso vostro. Abbiamo preso in considerazione soltanto i film diretti dal grande regista, non tutta la sua produzione, per motivi di lunghezza, ma con questo manuale potrai proporre ai tuoi ospiti, piatti deliziosi e il loro intrinseco significato simbolico.

La filosofia sottostante i lungometraggi di Miyazaki, infatti, mette sempre in evidenza le caratteristiche di Madre Natura: equilibrio puro, necessario e armonico. Ecco perché nelle sue opere il gusto si lega ai colori e agli oggetti disposti sulla tavola: le portate, sapientemente cucinate, rimandano all’ancestrale armonia del creato. 

Quante volte vi è venuto appetito vedendo le pietanze magicamente raffigurate nelle sue pellicole? 

La verità è che è impossibile resistere a certe sequenze gastronomiche, perché gli ingredienti usati sono variopinti e saporiti; gli intingoli densi e allettanti.

Ogni impasto è un chiaro segno dell’intima comunione tra società giapponese e arte culinaria, intesa non solo come appagamento dei desideri primari, ma soprattutto come gioia sensoriale. 

Quindi, ben venga se ti verrà l’acquolina in bocca davanti alla pancetta sfrigolante de “Il castello errante di Howl” o alla torta Siberia di “Si alza il vento“, perché il cinema, la cucina e la vita sono stupore. 

Chiedi un sito come questo!