50 sfumature di caffè: libro sulla bevanda più bevuta al mondo

50 sfumature caffè libro

Da pochi giorni in edicola potete trovale il libro, “50 sfumature di caffè”, con ha una bella copertina illustrata.

Contiene poco più di 250 pagine, divise in quattro sezioni è una raccolta completa di tutto quello che riguarda una bevanda che regala emozioni, ci accompagna nella nostra vita quotidiana segnando anche i momenti più importanti. Arriva da lontano, vanta una lunga storia, prima di riuscire ad insinuarsi nelle tradizioni gastronomiche di tutto il mondo.

Autori del volume, oltre alla sottoscritta Raffaella Fenoglio, sono Silvia Casini e Francesco Pasqua.

In quanti modi si può prendere il caffè?

Si narra che il primo caffè espresso sia stato servito a Torino
nel 1884, grazie ad Angelo Moriondo, cui dobbiamo
anche l’invenzione del prototipo di una caffettiera, capace
di portare rapidamente a pressione l’acqua e raggiungere
il contenitore dei grani tostati e macinati.

E quanto all’epoca
moderna… ci avete mai fatto caso?

Oggi le frasi più comuni per esprimere un desiderio di relax e condivisione,
guarda caso, hanno a che fare con questa bevanda, per esempio: «Facciamo
una pausa caffè?» o «Ci prendiamo un caffè al volo?».

50 sfumature di caffè – edizioni Sonda

Vi suonano comuni? Vi capita mai di non riuscire a trovare il tempo
per una prima colazione «home made» e di precipitarvi al bar, magari
prima di andare al lavoro, ordinando un caffè? Credo che tutti lo abbiano
fatto e che andassero più o meno di corsa. Infatti, se si chiama «espresso»,
ci sarà un motivo.

Comunque, al bar, non so voi, ma noi abbiamo ascoltato le richieste più
ardite, folli e bislacche del mondo. Tra le più comuni, il caffè corto, ovvero
l’espresso denso e aromatico, servito non troppo caldo in una tazzina di
ceramica.

Oppure quello ristretto, che è un espresso ancora più concentrato, il
decaffeinato o ancora il caffè d’orzo, denominato anche «bevanda dei poveri o
bevanda del contadino» (bauernkaffee in Tirolo), un vero e proprio «surrogato
dell’oro nero», molto diffuso durante la Seconda guerra mondiale quando
il «vero caffè» era introvabile o estremamente dispendioso.
Un’altra ordinazione frequente riguarda il caffè lungo, il cui aroma
è meno deciso, ma i cui effetti corroboranti e stimolanti della caffeina
sono generalmente più forti. Da non confondere assolutamente con il caffè
americano.

Ci prendiamo un caffè al volo?

Gli amanti del dolce, invece, chiedono delle varianti, come il caffè macchiato,
che è un espresso con schiuma di latte; o il marocchino (o marocco;
a Milano, nel quartiere del Quadrilatero della moda, lo chiamano Montebianco),
un espresso arricchito di cacao e allungato con una misura di latte e
schiuma di latte.

50 sfumature di caffè per fare impazzire il vostro barista!

Il cappuccino è l’alternativa più sostanziosa per la colazione del
mattino: espresso, latte intero e spuma di latte, servito in tazza grande. Sulla
schiuma può essere spolverato un velo di cacao o cannella fine.
D’estate, invece, non c’è niente di meglio che un caffè freddo o iced coffee,
un semplice caffè americano con ghiaccio. Va per la maggiore anche il
caffè shakerato, a metà mattina o dopo pranzo, o la crema fredda al caffè,
una vera squisitezza.

E, udite udite, in Italia il preferito dagli anziani resta il caffè corretto,
perché con un goccio di liquore (brandy, grappa, anice o sambuca) passano
acciacchi, malinconie e dolori. Di qualunque natura.
In pratica, per i poveri baristi le variabili sul caffè sono praticamente infinite
e la fantasia degli italiani, in fatto di coffee è davvero sconfinata.

Alcune richieste ormai sono bell’e che assodate, ma talvolta, altre risultano davvero assurde.

Per saperne di più sul libro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiedi un sito come questo!