Ingredienti
500 g fragole
150 g zucchero integrale di cocco
Succo di limone – qualche cucchiaio
Menta – alcune foglie
3 g agar agar

Tempo di preparazione: 5 minuti + cottura 10 minuti + 3 minuti
Difficoltà: semplice
Vegana – senza glutine – senza lievito
IG bassissimo

Utensili
Una pentola
Un cucchiaio
Alcuni barattoli di vetro

Cottura
10 minuti + 3 minuti

Preparazione

  • Mettete in una pentola le fragole – lavate, private delle foglioline e tagliate, con lo zucchero e il succo di limone.
  • Fate bollire dieci minuti.
  • Spegnete, aggiungete l’agar agar, mescolate.
  • Riaccendete il fuoco, riportate a ebollizione, fate cuocere altri cinque minuti e spegnete.
  • Versatela bollente nei barattoli di vetro, aggiungete una fogliolina di menta, chiudeteli e rovesciateli a testa in giù su un piano di legno per formare il sottovuoto.

Una volta spento il fuoco marmellata sarà ancora liquida, ma non preoccupatevi perché è normale: con l’agar agar non vale la regola della “goccia sul piatto” per capire se è pronta. La vostra composta si addenserà quando si sarà raffreddata. Fare la marmellata usando l’agar agar come addensante è un ottimo metodo per accorciare di molto i tempi e per ridurre notevolmente la quantità di zucchero.
L’agar agar è un derivato delle alghe rosse, ha un alto contenuto di mucillagini e di carragenina che permettono di trasformare i liquidi in gelatina. È insapore e sostituisce le classiche gelatine di origine animale. Un cucchiaino da 5 grammi corrisponde a circa 6/8 fogli di colla di pesce. Inoltre è termo reversibile, cioè se la preparazione addensata con agar agar viene scaldata si liquefa per tornare solida a temperatura ambiente.
L’agar agar è noto in Giappone col nome di kanten, cielo freddo, perché non ha alcun sapore e si presenta di color grigiastro. Lo si trova in commercio in fiocchi, barre o polvere. Quello in polvere ha la maggior capacità di assorbire i liquidi. Se dovete solidificare un composto denso, o che non necessita di cottura potete sciogliere l’agar agar in un po’ d’acqua calda e aggiungerlo direttamente al composto da solidificare.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

*