Fondente al cioccolato a basso indice glicemico

Fondente facile da preparare, non contiene né farine, né latte, né burro…insomma ve lo vado subito a presentare.

Come prepare il fondente al cioccolato a basso indice glicemico

Ingredienti

  • 200 g cioccolato fondente (con più del 70% di cacao)
  • 150 g composta di mele
  • 60 g zycchero muscovado
  • 3 uova  intere
  • 30 g cocco disidratato

Cottura

  • 180 gradi
  • 30 minuti

Preparazione

  • Fate fondere il cioccolato a bagnomaria.
  • Lasciatelo raffreddare un poco.
  • Aggiungete la composta di mele, l’agave, il cocco e le uova intere.
  • Versate l’impasto in una pirofila preferibilmente quadrata o rettangolare, così, una volta cotto, vi sarà più facile tagliare il dolce a quadratini.
  • La mia è quadrata, e misura 16 x 16 cm.
  • Mettete in forno a 180 gradi per 30 minuti.

Un avvertimento: non vi preoccupate se risulterà molletto quando lo leverete dal forno. Va lasciato raffreddare e poi infilato nel frigo per due ore. Per quel tempo sarà solido e lo potrete tagliare a quadratini, per accompagnare un caffè, o a fette più grosse se ne vorrete fare un dessert in piena regola. E allora si potrebbe fare una crema inglese da versagli sopra, qualche altra volta vi metterò la ricetta per farla a basso IG.

Come preparare la composta di mele

  • Scelto il tipo di mela che fa per voi, prendetene quattro, toglietele la buccia (ma anche no se si tratta di frutto biologico)
  • Dividetele in spicchi grossi e metteteli a cuocere a vapore.
  • Io uso il cestello apposito che posiziono in una pentola nella quale ho versato poca acqua, (come ho già spiegato per la cottura dei broccoli).
  • Una volta che saranno cotte fatele raffreddare e frullatele con qualche goccia di limone.
  • A questo scopo è ottimo il mixer ad immersione.
  • Questa operazione andrebbe fatta quando le mele sono ancora calde… quindi attenti agli schizzi.
  • Ora avrete la vostra composta di mele.
  • Cosa potete farne, a parte il fondente? Spalmarla su una fetta di pane, aggiungerla allo yogurt, magari di soia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Chiedi un sito come questo!