Schiacciata di kamut integrale all’uva nera

schiacciata (3)

Oggi io e le Tre Civette abbiamo fatto un dolce.

Si tratta  dell’ultima ricetta del concorso di Imperia, organizzato dalla società Promimperia. Contest  legato alla alimentazione mediterranea.

Si chiama  A menu for the Mediterranean diet daye rientra nella  manifestazione che celebra l’olio nuovo, la OliOliva 2014 del 14-15 e 16 novembre.  

I piatti precedenti erano le focaccine di zucca e la crema di lenticchie.  

E’ una ricetta fantastica ( sarà  che vado matta per i dolci semplici).  

Suggerimento: se volendo fare questo dolce aveste la possibilità di utilizzare un grappolo di uva da vino…

 

schiacciata

Schiacciata di kamut integrale all’uva nera

 

Tempi

10 minuti per l’impasto + un’ora e più di riposo + 10 minuti per comporre la schiacciata

 

Ingredienti
500 gr farina integrale di kamut integrale  (o altra farina integrale)
350 ml di acqua
5 gr sale
50 ml Olio EVO + un filo prima di infornarla
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di miele d’acacia
60 gr zucchero di cocco integrale ( o altro zucchero low ig )
300 gr uva nera

 

Cottura

200 gradi
30 minuti

 schiacciata (2)

Preparazione

Lavate l’uva e staccate gli acini dai raspi. Mettetela su un canovaccio.

Cominciate col fare attivare il lievito di birra. Sciogliete un cucchiaino di miele nell’acqua intiepidita (mi raccomando usate acqua “buona” filtrata o di provenienza certa: ne gioverà la vostra salute e la lievitazione…) e tuffateci il lievito.Quando sulla superficie si formerà una schiuma – stile birra – sarà pronto per essere aggiunto alla farina. Se non si formasse nulla, buttate tutto e prendete altro lievito.

Fate una fontana con la farina di kamut, il sale e l’olio.

Versate all’interno il lievito attivato e cominciate a impastare. Quando si sarà formata una palla mettete a riposare in un luogo lontano dalle correnti d’aria, per un’oretta o anche più se avete tempo.

Quindi spianate metà dell’impasto sulla leccarda coperta da un foglio di carta da forno.

Adagiateci sopra quasi tutti gli acini, tenendone una manciata da parte.

Spolverate con abbondante zucchero.

Coprite con l’altra metà della pasta facendola aderire schiacciando un poco con i palmi delle mani leggermente unti.

Buttateci sopra gli acini di uva rimasti, spolverate bene di zucchero  e fate un giro di olio Evo.

Infornate una mezz’oretta a 200 gradi.

schiacciata (4)

banner-food-contest-forum-2014-700x217_thumb300

Passato in camicia, ovvero crema di lenticchie e uova di giornata

PASSATO DI LENTICCHIE IN CAMICIA (5)

Seconda ricetta del contest “A menu for the Mediterranean diet day” che rientra nella  manifestazione che celebra l’olio nuovo, la OliOliva 2014 del 14-15 e 16 novembre.  Categoria “piatto principale” , che viene dopo la proposta di “antipasto”focaccine di zucca al farro integrale.

Semplice semplice, molto gustosa. Fonte di proteine vegetali e animali. Ideale per celiaci e amanti del cucchiaio.  Ovviamente l’uovo, che rimane essenzialmente crudo, deve essere super fresco e super sicuro.   Le mie uova sono fantastiche  perché provengono da galline di Ceriana che Lina e Mauro fanno mangiare meglio dei cristiani ( ovviamente in pieno clima di politically correct questa affermazione è suscettibile di modifica in “meglio dei musulmani, buddisti, agnostici, studiosi di fisica quantistica ecc.  ecc.)

PASSATO DI LENTICCHIE IN CAMICIA (7)

Passato in camicia, ovvero crema di lenticchie e uova di giornata

(ig bassissimo, no glutine)

 

Tempi

20/25 minuti

 

Ingredienti

Per due tazze di zuppa
150 gr di lenticchie verdi
1 cucchiaio di dado vegetale
1 spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
1 peperoncino
Chiodi di garofano – un po’

 

Per l’uovo in camicia
1 uovo superfresco a testa
1 cucchiaio di aceto bianco
Formaggio grana
Pepe

PASSATO DI LENTICCHIE IN CAMICIA COLL 1 

Cottura

15 minuti di bollitura delle lenticchie

 

Preparazione

Le lenticchie mi piacciono parecchio e, a differenza di altri legumi, presentano il vantaggio di non richiedere ammollo.

Buttate le lenticchie nell’acqua fredda (sempre fredda per i legumi e mai salata!) alla quale aggiungerete l’aglio, l’alloro, i chiodi di garofano e il peperoncino.  Portate al bollore e lasciate cuocere una quindicina di minuti ( il tempo può variare a seconda del tipo di lenticchia). Due minuti prima del termine spegnete la pentola,  aggiungete il dado (magari quello buono che fate voi) e  lasciate  finire la cottura.

Eliminate l’acqua in eccesso, ma tenetene un po’ da parte se la zuppa risultasse troppo spessa.

Poi immergete il frullatore e mixate fino a far diventare le lenticchie una crema.

 PASSATO DI LENTICCHIE IN CAMICIA COLL

Nel frattempo mettete sul fuoco un’altra pentolina con acqua salata e acidificata con aceto bianco.

Formate un vortice nell’acqua girando forte con un cucchiaio, rompete un uovo in un piattino e buttatelo delicatamente proprio nel centro del vortice. Continuate a girare o usate  una schiumarola per fare in modo che l’albume avvolga il tuorlo. Tenete d’occhio l’orologio, passati quattro minuti tirate fuori l’uovo e appoggiatelo su un piattino. Cuocete tante uova in camicia quante saranno le scodelle di zuppa.

Versate quindi la crema nelle scodelle e appoggiate su ognuna un uovo.  

Fate un giro d’olio (di Imperia, ovviamente)  e spolverate di formaggio grana. Servite con del buon pane integrale.

banner-food-contest-forum-2014-700x217_thumb300

Focaccine di zucca e farro integrale

FOCACCINE DI ZUCCA (5)

Altro giro altro regalo!!!! Cioè io e le Tre Civette ce lo auguriamo. Mai vinto nulla, per il momento, nemmeno un mestolo di legno bruciacchiato o una tazza sbreccata di Castelpilato….

Come avrete intuito siamo di nuovo in mezzo ad un concorso, e questa volta non abbiamo dovuto andare lontano.

È una competizione organizzata praticamente sotto casa nostra, ad Imperia, dalla società Promimperia. Trattasi di un contest – per chi si fosse sintonizzato ora ripetiamo che  è un “concorso” – legato alla alimentazione mediterranea.

Si chiama  A menu for the Mediterranean diet daye rientra nella  manifestazione che celebra l’olio nuovo, la OliOliva 2014 del 14-15 e 16 novembre, organizzata dalla spumeggiante Paola Savella di Espansione Eventi.

 

Vi consiglio vivamente di venire a fare un salto a Imperia, perché in quelle giornate troverete il meglio del meglio della gastronomia, e anche la sottoscritta e le Tre Civette intente a influenzare spudoratamente (ripeto spu-do-ra-ta-me-nte) la giuria.

Siete ancora lì? Via via via, sfollare! Correte a organizzare la gita a Imperia!!!

Ah, volete sapere cosa ho cucinato? Il concorso prevede tre portate. Antipasto, piatto principale e dolce.  La ricetta di oggi concorre quale antipasto, e sono delle fantastiche focaccine di zucca, di una semplicità disarmante. 

FOCACCINE DI ZUCCA

Youtube

 

Tempi

20 minuti per l’impasto + un’ora di riposo + 25 di forno

 

Ingredienti

300 gr farina integrale di farro
300 gr zucca – peso da cotta
180 ml di acqua
10  gr sale
50 ml olio Evo
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di miele d’acacia
rosmarino

 Focaccine  di zucca

Cottura

200 gradi
25 minuti

 

Preparazione

Tagliate e pulite la zucca, fatela a pezzetti e mettetela a cuocere a vapore. In una quindicina di minuti dovrebbe essere cotta.

Quindi fate attivare il lievito di birra. Sciogliete un cucchiaino di miele nell’acqua intiepidita (mi raccomando usate acqua “buona” filtrata o di provenienza certa: ne gioverà la vostra salute e la lievitazione…) e tuffateci il lievito. Quando sulla superficie si formerà una schiuma – stile birra – sarà pronto per essere aggiunto alla farina. Se non si formasse nulla, buttate tutto e prendete altro lievito.

Fate una fontana con la farina, il sale e l’olio. Versate all’interno il lievito attivato e cominciate a impastare. Formate un panetto mettete a riposare una mezz’oretta in un luogo lontano dalle correnti d’aria.

Scolate la zucca. Mettetela in un piatto e schiacciatela con la forchetta. Aggiungetela all’impasto, giratela bene. A questo punto non avrete più una palla, ma piuttosto un impasto molliccio che dovrete girate con una forchetta. Lasciate a riposare ancora mezz’ora.

Foderato la placca con della carta da forno e fate scendere l’impasto a cucchiaiate. Spolverate di rosmarino e fate un giro di olio a filo, ma di quello buono!!!

FOCACCINE DI ZUCCA (1)

banner-food-contest-forum-2014-700x217_thumb300