Mug cake alla zucca (cotta a vapore, veg)

Mug Cake alla zucca (8)

Settimana di Halloween, settimana della zucca…

… ma la zucca non è solo folklore, ecco cosa ha scritto alle Tre Civette la Dottoressa Samantha di Geso  – nutrizionista e direttrice di dNa – centro interdisciplinare di Nutrizione e Psicologia – a proposito della zucca.  

Per una volta quelle pasticcione delle civette hanno avuto una buona idea, e cioè postare qui di seguito il suo prezioso contributo. Correte a leggerlo!!!  

 

Samanta di Geso

Dottoressa Samantha di Geso

” Lo sapevate che la zucca cambia le sue “doti” nutritive in base al tipo di cottura?
Può infatti aiutare a bloccare una emorragia ma può anche crearla.
La zucca contiene vitamina A, vitamina K, potassio, magnesio e calcio.
La vitamina A è utile per le ossa, per i capelli, rafforza le difese immunitarie e la vista.
La vitamina K permette la buona salute delle ossa ed è coinvolta nella coagulazione del sangue rendendolo meno denso.
Entrambe queste vitamine sono liposolubili cioè si sciolgono nei grassi e negli olii e non in acqua.

In caso di emorragie cuocere direttamente la zucca nell’olio extravergine, permette di assorbire maggiormente la vitamina K, bloccando il sanguinamento. Nelle sindromi emorragiche mestruali o in caso semplicemente di sanguinamento delle gengive, un bel piatto di ravioli di zucca con peperoni e pomodori (vitamina C e Calcio) potrebbero aiutarci ad avviare un processo di coagulo se all’interno della pentola ci mettessi dei grassi animali o vegetali quali una ricotta o dell’olio.

In caso di patologie in cui invece non è opportuno un coagulo e si assumono dei fluidificanti, basterà cuocere la zucca semplicemente in acqua o al forno senza dover privarmi della bontà, del magnesio, del potassio, del calcio e della vitamina A che la natura regala attraverso un alimento così buono e versatile.
Sempre in caso di terapie con anticoagulanti si può mangiare comunque un risotto di zucca soffritta in olio extravergine, purché si associ un alimento altamente fluidificante quale l’ananas la quale supporta anche la diuresi renale.

Questa è la dimostrazione di come la Natura ci dia tutto ciò che serve per vivere bene, ma bisogna studiare e adoperarsi con pazienza e amore verso se stessi.

E allora prepariamoci dei buoni muffin di zucca o una buona focaccina di zucca e farro oppure uno splendido Mug cake e buon Halloween a tutti dallo staff di dNa Milano.”

Dottoressa Samantha di Geso
nutrizionista e direttrice di dNa – centro interdisciplinare di Nutrizione e Psicologia

Mug Cake alla zucca (7)

Di seguito la ricetta di una saporita mug cake alla zucca.

La potrete servire con della crema fresca, magari mescolata a erba cipollina.  

In questi giorni nei negozi di casalinghi si trovano delle fantastiche tazze a tema...

Volete altri suggerimenti a base di zucca?

Ecco un’idea gustosa: focaccine di farro integrale e zucca,

e una variante dolce:  muffin alla zucca.

Mug Cake alla zucca

Youtube

Ingredienti:

Dose per una mug (tazza):
100 gr di zucca cotta a vapore (peso da cotta) + 2 pezzetti interi
1 cucchiaio* di farina integrale di farro
1 cucchiaio di farina integrale di orzo
1 cucchiaio di farina integrale di grano saraceno
1 cucchiaino di olio EVO
1 cucchiaio di semi di zucca decorticati
Sale
Erba cipollina
100 ml di acqua
1 pizzico di lievito per torte salate, preferibilmente bio
1 cucchiaino di aceto di mele
2 chiodi di garofano

*cucchiaio da minestra

Cottura

In pentola, a vapore
20 minuti dal bollore

Mug Cake alla zucca (1)Preparazione

Fate cuocere la zucca a vapore mettendo nell’acqua qualche chiodo di garofano.

Mescolate in una terrina gli ingredienti secchi in modo che il lievito venga ben distribuito.

Aggiungete i 100 gr di zucca schiacciata non troppo finemente con la forchetta.

Poi l’acqua, l’olio, e l’aceto di mele.

(A fine cottura non si sentirà il sapore dell’aceto, ma occorre per aiutare la lievitazione).

Svuotate l’impasto nella tazza.  

In ultimo appoggiate i due pezzetti di zucca in modo che rimangano un po’ in superficie.

Adagiate la tazza in una pentola abbastanza alta di bordo in modo che possiate chiuderla perfettamente durante la cottura con il suo coperchio.

Svuotate nella pentola un paio di bicchieri di acqua. Appoggiate il coperchio. Accendete il gas.

La mug cake salata sarà cotta dopo 20 minuti di cottura che sono da contare a partire dal bollore.

Fatela raffreddare una decina di minuti e servitela.

Se non siete vegani potreste aggiungere all’impasto del formaggio grana e dei pezzetti di feta.

Se siete intolleranti al glutine la potreste fare col solo grano saraceno.

Mug Cake alla zucca (6)

Mug Cake di broccoli cotta al vapore

Mug cake di broccoliStamattina con le Tre Civette ci siamo sedute attorno al tavolo a pensare cosa potevamo cucinare per voi, amici civettosi. In mancanza di idee formidabili da proporvi  siamo partite da una formula logico/matematica per arrivare alla ricetta di oggi.

Eccola qui.

[Odiamo il microonde] + [amiamo la cottura a vapore] + [adoriamo le mug cake al vapore] + [andiamo letteralmente matte per i broccoli] =

Mug cake salata di broccoli e farina di farro integrale cotta al vapore!!!

Che cosa ve ne pare?!?

Se volete preparare altre mug cake eccone una a vapore, ma dolce. Oppure qui quella al forno con le mele, o  ancora al cioccolato.

 

 Mug cake di broccoli (2)

Mug Cake di broccoli cotta al vapore

 

Tempi

5 minuti di preparazione – 12 minuti di cottura

 

Ingredienti

Dose per una mug cake:
2 cucchiai di farina integrale di farro
3 cucchiai di purea di broccoli
1 cucchiaino di olio EVO
1 cucchiaio di parmigiani grattugiato
1 uovo
1 cucchiaino di pinoli
½ cucchiaino di lievito per torte salate, meglio se bio
Sale
Pepe

 

Cottura

A vapore
12 minuti

 Mug cake di broccoli (1)

Preparazione

Cuocete a vapore i broccoli e schiacciateli in purea con il mixer.

In un recipiente mescolate  gli ingredienti, sempre prima i secchi – lievito incluso –  poi aggiungete l’olio e l’uovo.  Amalgamate bene, in ultimo rovesciate nella ciotola la purea.

#immargarinate una mug, riempitela del composto, e appoggiatela in una pentola abbastanza alta per contenerla anche col coperchio chiuso. 

Versate un bicchierino d’acqua nel fondo della pentola e accendete il fuoco.

Contate 12 minuti dal momento del bollore.

 

 

 

Mug cake di broccoli (3)

Mug Cake cotta al vapore di grano saraceno e fichi chiari

Mug Cake al vapore (5)

La mug cake  che va per la maggiore è quella cotta al microonde. Ma sapete che né io né le civette amiamo quell’aggeggio infernale. (Perché? Non lo so. Dobbiamo per forza avere un motivo per aver in antipatia quella scatola che fa impazzire gli atomi dei cibi? )

Nel blog ho già proposto delle mug cake cotte nel forno tradizionale. Una al cioccolato e una alle mele.

Oggi invece mi sono buttata su un’altra cottura: quella a vapore. Non è una mia idea, l’ho visto fare da Marie Chioca, una blogger francese che ci piace assai.  Provate anche voi, è semplicissimo e veloce.

Potreste addirittura farvela per colazione. La mattina stessa!

Intanto che fate scaldare l’acqua del tè e lo lasciate in infusione; che tirate su il letto; che vi vestite; che decidete se cambiare borsa o meno, che alla fine optate per cambiarla (dimenticando di trasferire qualcosa infrattato nella tasca interna)…. la vostra mug cake si cuoce.

Infatti le bastano solo una quindicina/ventina di minuti dal bollore per essere pronta. E così ve la mangiate appena sfornata, opps, appena svaporata!

La procedura è semplice. Le dosi a cucchiaio (english style), neanche bisogno di scomodare la bilancia.  

Le “farine”  di questa ricetta sono tre, tutte low ig e ricche di fibre. Grano saraceno, farro integrale e cocco.  

Ho poi aggiunto dei fichi interi:in questo momento sono maturi al punto giusto. Mescolati tutti gli ingredienti dovete prendere, a parte la tazza, una pentola alta, tipo quelle in cui fate la pasta, e versarci dentro qualche bicchiere di acqua. 

Questa ricetta partecipa al concorso “Colesterolo cattivo? No grazie” dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli.

 Mug Cake al vapore (1)

Mug Cake cotta al vapore di grano saraceno e fichi chiari

 

Tempi

2 minuti netti o anche meno
+ 15  minuti per la cottura

Ingredienti

Dose per una tazza:
1 cucchiaio  di farina di grano saraceno
1 cucchiai di farina di farro integrale
1 cucchiai di cocco disidratato
1 cucchiai di zucchero integrale di cocco o di sciroppo di agave
1 uovo
2 fichi
Latte di soia o capra – quanto basta
Marmellata senza zucchero o dolcificata a basso IG – 1 cucchiaio 
Lievito per torte dolce – meglio se bio  – un pizzico
Margarina, una ditata.
 

Ps: x cucchiaio intendo quello da minestra

 Mug Cake al vapore collage

Cottura

15/20  minuti

 Mug Cake al vapore (2)

Preparazione

Prendete una pentola coi bordi alti, tipo quella in cui fate cuocere la pasta. Vuotateci all’interno qualche bicchiere di acqua.

Intanto mescolate tutti gli ingredienti per la mug cake.  Prima gli elementi secchi, poi l’uovo e il latte (ne metterete tanto quanto basterà per rendere morbido l’impasto). 

#immargarinate una mug, appoggiate due fichi nella tazza, versateci l’impasto sopra e appoggiatela nella pentola.

Chiudete la pentola con il coperchio e accendete il gas. Calcolate il tempo di cottura dall’inizio della bollitura.

Una volta cotta spalmate sulla superficie una cucchiaiata di marmellata.

 

Mug Cake al vapore (4)

 Banner colesterolo no grazie

Panini integrali cotti al vapore, ripieni di marmellata

PANINI AL VAPORE (9)Ieri sono andata a mangiare in un locale orientale, e lì ho scoperto i panini al vapore. Sulle prime non sapevo cosa fossero.

Erano piazzati nei classici cestelli di bambù per la cottura al vapore, ed erano bianchissimi. Non sembravano nè pesce, né verdura. 

Ho messo un paio  di quei “cosi” nel piatto e me ne sono tornata al tavolo.

La sorpresa quando li ho  tagliati: era pane!

Uno, di forma sferica, era formato da sola pasta lievitata, mentre l’altro, ovoidale aveva una crema buonissima all’interno. Insomma, tornata a casa ho cercato qualche notizia e ho deciso di farli anche io. Ovviamente con farina a basso indice glicemico. 

Questi panini sono ottimi mangiati tiepidi, ma anche lasciati raffreddare e scaldati.  Oltre a questa versione tradizionale sul blog ho messo anche la versione Bimby.

 

PANINI AL VAPORE (1)

Panini integrali con marmellata cotti al vapore

 

Tempi

5 minuti per impastarli + un’ora e mezza di riposo + 30 minuti di cottura

 PANINI AL VAPORE (6)

Ingredienti

300 gr farina integrale (di grano o di farro)
180 ml acqua tiepida
1 cucchiaino di sale
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di miele
Marmellata senza zucchero o con zuccheri a basso ig
Olio EVO

 

Cottura

A vapore
30 minuti

 PANINI AL VAPORE (7)

Preparazione

Sciogliere il miele e il cubetto di lievito nell’acqua tiepida.  Lasciare attivare il lievito cinque/dieci minuti, fino a che non si formerà schiuma sulla superficie dell’acqua.

Quindi formare un impasto di farina, sale e acqua col lievito. Mettere in un luogo lontano da correnti d’aria, coperto da un canovaccio bagnato e strizzato.

Preparate la carta forno “a buchi” in modo da far passar bene il vapore attraverso. Io ho formato una specie di fisarmonica e ne ho tagliato gli angoli, ma di certo a voi verrà in mente un’idea migliore.

PANINI AL VAPORE

Preparate la pentola sulla quale appoggerete il cestello di bambù, riempitela con qualche bicchiere d’acqua e  foderate il cestello di bambù con la carta forno.

Trascorsa un’ora e mezza accendete l’acqua nella pentola e cominciate a formate i panini: ungetevi i palmi delle mani con l’olio, questo impasto appiccica parecchio, e  formate delle palline di circa 60 grammi l’una.  Spianatele un poco e al centro di ognuna mettete un cucchiaio di marmellata.

Richiudetele a sacchetto e posatele sulla carta forno all’interno del cestello.

Fate cuocere una mezz’oretta. Non spaventatevi se i panini vi sembreranno crudi ( come ad inizio cottura, solo un po’ più gonfi)  perché i panini a vapore non formano la crosta e rimangono pallidi. Ma all’interno li troverete perfettamente cotti.

Attenzione a quando prenderete in mano il cestello: sarà rovente e colerà acqua bollente.

PANINI AL VAPORE (8)

Bimby low ig: Panini integrali cotti al vapore, ripieni di marmellata

 

PANINI AL VAPORE (8)

Ieri sono andata a mangiare in un locale orientale, e lì ho scoperto i panini al vapore. Sulle prime non sapevo cosa fossero.

Erano piazzati nei classici cestelli di bambù per la cottura al vapore, ed erano bianchissimi. Non sembravano pesce, né verdura. 

Ho messo un paio  di quei “cosi” nel piatto e me ne sono tornata al tavolo.

La sorpresa quando li ho  tagliati: era pane!

Uno, di forma sferica, era formato da sola pasta lievitata, mentre l’altro, ovoidale aveva una crema buonissima all’interno. Insomma, tornata a casa ho cercato qualche notizia e ho deciso di farli anche io. Ovviamente con farina a basso indice glicemico. 

Questi panini sono ottimi mangiati tiepidi, ma anche lasciati raffreddare e scaldati.  Oltre a questa versione Bimby sul blog ho messo anche la versione tradizionale.

PANINI AL VAPORE (1)

Panini integrali cotti al vapore con marmellata

Tempi

5 minuti per impastarli + un’ora e mezza di riposo + 30 minuti di cottura  

PANINI AL VAPORE (6) Ingredienti

300 gr farina integrale (di grano o di farro)

180 ml acqua tiepida

1 cucchiaino di sale

1 cubetto di lievito di birra

1 cucchiaino di miele Marmellata senza zucchero o con zuccheri a basso ig

Olio EVO  

PANINI AL VAPORE (7) Preparazione

Sciogliere il miele e il cubetto di lievito nell’acqua tiepida.  Lasciare attivare il lievito cinque/dieci minuti, fino a che non si formerà schiuma sulla superficie dell’acqua.

Quindi formate un impasto di farina, sale e acqua col lievito

In alternativa infilate tutto nel boccale del Bimby e impastate:  

Tempo 2 minuti  Tasto Spiga

Mettete l’impasto in un luogo lontano da correnti d’aria, coperto da un canovaccio bagnato e strizzata.

Preparate la carta forno “a buchi” in modo da far passar bene il vapore attraverso. Io ho formato una specie di fisarmonica e ne ho tagliato gli angoli, ma di certo a voi verrà in mente un’idea migliore.

PANINI AL VAPORE

Trascorsa un’ora e mezzacominciate a formate i panini: ungetevi i palmi delle mani con l’olio, questo impasto appiccica parecchio, e  formate delle palline di circa 60 grammi l’una.  Spianatele un poco e al centro di ognuna mettete un cucchiaio di marmellata.

Richiudetele a sacchetto e posatele sulla carta forno all’interno del cestello del Varoma.

Versare un litro d’acqua nel boccale del Bimby e impostare:

Tempo 35 minuti, Temperatura Varoma, Velocità Cucchiaio.

Attenzione a quando prenderete in mano il cestello del Varoma a fine cottura: sarà rovente e colerà acqua bollente.

PANINI AL VAPORE (9)