Torta in padella: pancake di crusca d’avena e marmellata di fragoline di bosco

pancake di crusca di aven

Happy Birthday to You
Happy Birthday to You
Happy Birthday Tre Civette sul Comò
Happy Birthday to You.

Amici delle Tre Civette, oggi il blog Tre Civette sul Comò compie un anno! 

Festeggiamo con dei fantastici pancake di crusca con marmellata e mele calde.

pancake di crusca di avena

Ingredienti

100 gr crusca di avena
125 ml yogurt di capra o di soia
100 ml latte di capra o di soia
1 uovo
1 cucchiaio di sciroppo di agave
1 cucchiaio di olio EVO dal sapore non troppo forte
marmellata senza zuccheri aggiunti  – Rigoni di Asiago alle fragoline di bosco per me – qualche cucchiaiata
2 mele
Cannella – qb
1 bicchierino di liquore  – Amaretto per me
margarina – qualche ditata

Tempi

15 minuti

pancake di crusca di avena (1)

Preparazione

Svuotare in una ciotola la crusca, lo yogurt, lo sciroppo d’agave, l’uovo e il latte. Mescolare e lasciare riposare una mezz’oretta.
Sbucciare e tagliare a fette le mele.

Farle cuocere in una padella per alcuni minuti con un goccio di liquore.

Buttare in un’altra padella antiaderente una ditata di margarina, accendere il fuoco e non appena la padella sarà calda svuotare l’impasto dei pancake a cucchiaiate.

Un cucchiaio da minestra di impasto corrisponde, suppergiù, ad un pancake.

Cuocere da entrambi i lati per alcuni minuti (3 o 4), porre in un piatto e completare con la marmellata e le mele.

Servire caldi.

pancake di crusca di avena (3)

Clafoutis di ramassin

Clafoutis di ramassin (3)

Le susine dalmassine,  comunemente chiamate ramassin, sono  una delle meraviglie che ci regala l’estate.

Si fanno riconoscere per la loro piccola dimensione. Una volta assaggiate colpisce la  dolcezza e l’aromaticità della loro polpa poco acquosa. Si snocciolano molto facilmente.

Nella ricetta di oggi ho usato quelle chiare, ma in commercio trovate anche quelle blu-violacee.   

 Clafoutis di ramassin (1)

  Clafoutis di ramassin, lamponi e crusca di avena

(ig bassissimo)

 

Tempi

15 minuti per prepararlo + 1 ora di riposo + 35 di cottura

 Clafoutis di ramassin (2)

Ingredienti

300 gr  ramassin (susine dalmassine)
200 gr lamponi
4 uova
120 gr sciroppo di agave
60 gr crusca di avena
½ litro di latte di soia o di capra
zucchero di canna bianco  a velo  – un po’

 Claufoutis di dalmassine collage

Cottura

35  minuti
200 gradi

 Clafoutis di ramassin

Preparazione

Mescolare nel latte di soia la vaniglia (o la vanillina), le uova, l’agave e la crusca di avena. Mettete in frigo per un’oretta.

Intanto lavate e snocciolate le susine, sciacquate i lamponi. Foderate uno stampo largo da crostata con la carta forno e appoggiateci sopra la frutta.

Versate delicatamente l’impasto – che risulta semiliquido –  e mettete nel forno per 35 minuti a 200 gradi.

Tiratelo fuori, fatelo raffreddare e infilatelo nel frigo per qualche ora.

Prima di servirlo spolverizzate con del zucchero di canna bianco  a velo (non si trova in commercio, ma basta mettere quello semolato nel mixer alla massima velocità).

 

Il piatto della foto è della scuola di Doccia

Clafoutis dalmassine

Minicake alle more (e crusca di avena)

Minicake alle more (2)

I minicake di oggi sono tanto buoni (anzi buonissimi mi correggono le Tre Civette) quanto salutari. Cosa c’è di meglio per chiudere in bellezza il nostro menù conviviale?

Come per il semifreddo che li precede anche qui  i frutti di bosco la fanno da padroni.  Le more, asprigne, ridotte in purea ricoprono i minicake e poi  si scoprono intere tagliando i dolcini.

L’impasto di base è una torta allo yogurt, morbida e ben lievitata, alla quale ho sostituito la classica farina con crusca di avena e cocco (più salutari, più profumati, a ig bassissimo).  L’aroma della bagna al limone e liquore fanno il resto.  

Questa è una classica torta che ha molto successo con i più piccoli (data la semplicità dell’impasto la potreste preparare assieme…) e di sicuro non c’è modo più dolce di far mangiar loro la crusca e lo yogurt. 

 Minicake alle more

Minicake alle more (e crusca di avena)

(no lattosio, ig bassissimo)

 

Tempi

10 minuti per prepararli + 20 di cottura

 Minicake alle more (1)

Ingredienti

Per i 9 minicake
250 gr more
1 pot di yogurt di soia o di capra
2 pot di crusca d’avena
1 pot di cocco grattugiato
2 uova
½ pot di olio
½  pot sciroppo d’agave
½ pacchetto di lievito per dolci, meglio se bio
Margarina + crusca per gli stampi

 

Per la bagna
250 ml acqua
1 limone – il succo
3 cucchiai di sciroppo di agave
1 bicchierino di liquore (Amaretto di Saronno x me) niente paura per i più piccoli, la parte alcolica evapora in cottura.

 

Per la copertura
200 gr more
2 cucchiai di sciroppo di agave

 Minicake alle more (4)

 

Cottura
20  minuti
160 gradi

 

Preparazione

Minicake: Mettete tutti gli ingredienti della torta in una terrina mescolando per bene fra loro  prima quelli secchi  (per dar modo al lievito di distribuirsi) e poi aggiungete quelli liquidi.

 #immargarinate gli stampini da minicake e cospargeteli di crusca. Versate una cucchiaiata di impasto in ogni stampo, buttateci sopra qualche mora  e ricoprite con altro impasto.  Infornate   20 minuti a 160 gradi.  

Bagna: In un pentolino riunire gli ingredienti per la bagna, mettere sul fuoco e fare sobbollire una decina di minuti.

Copertura: In un pentolino fate cuocere a fuoco basso per pochi minuti le more con lo sciroppo d’agave. Schiacciatele con la forchetta e fate intiepidire.

Minicake alle more (3)

Passati  i venti minuti tirate fuori dal forno i minicake (fate la prova dello stuzzicadenti per accertarvi che siano perfettamente cotti), versategli sopra la bagna ancora calda, lasciatela assorbire alcuni istanti (evaporerà quasi subito), quindi estraete i dolcini dalle forme e cospargeteli di purea di copertura.

Lasciate raffreddare.

Minicake alle more (5)

Minimuffin di fragole e okara Kkvkvk #56 (e cioccolato fondente)

Minimuffin alla fragola e okara kkvk (1)

L’amica Sandy del blog Cuisine et Cigares mi ha lanciato la sfida: partecipare ad un concorso indetto dal blog La fourmi Elé (Eléonore) dal nome impronunciabile  “KKVKVK”  (acronimo di KiKiVeutKiVientKuisiner) e dal tema FRAGOLE.

UN ALTRO CONCORSO!?! Direte voi stupiti, e anche io! Insomma ci siamo appena buttati alle spalle quello dei muffin-repas! Ricordate?

No no, mi sono detta, non se ne parla.

Ma le care civette non hanno voluto sentire ragione, hanno preso a protestare: volevano partecipare as-so-lu-tis-si-ma-men-te!

Hanno cominciato a sbattere le ali, a sgranare gli occhi, a saltellare qua e là per la cucina…(Loro tre vanno matte per i concorsi.)

Aiuto!!!

Non potevo non assecondarle.  Vi pare?

Inoltre ho appena comprato una teglia per minimuffin che volevo inaugurare.  Dunque mi sono messa all’opera. Ho assemblato un minimuffin morbido da tenere al fresco, a base di fragole, cioccolata e okara di nocciole.

Piacerà alla fourmi Elé?

Non ci resta che aspettare il responso.

(—>au fond de l’article la version en français)

   Minimuffin alla fragola e okara kkvk

Minimuffin di fragole KKVKVK #56

(no glutine, no uova, no lievito, no lattosio, ig bassissimo)

Tempi

15 minuti per prepararlo + 30 di cottura  

Minimuffin alla fragola e okara kkvk (5) Ingredienti

Dose per 24 minimuffin
120 gr okara di nocciole
120 gr cioccolato fondente al 70 % di cacao
180 gr fragole pulite
60 gr granella di nocciole
5 cucchiai di sciroppo d’agave
1 cucchiaio di yogurt di soia    

Cottura

30  minuti
150  gradi  

Preparazione

Lavate e tagliate le fragole a pezzetti. Riducete il cioccolato a quadretti e infilatelo nel mixer. Tritatelo, ma lasciatelo meno fine della polvere di cacao. Mischiate l’okara di nocciole con l’agave, la granella di nocciole e lo yogurt di soia. Aggiungete le fragole e il cioccolato. Amalgamate il tutto.Minimuffin alla fragola e okara kkvk (4)

Versate in ogni pirottino una cucchiaiata di impasto e infornate a 150 gradi per 30 minuti.

Appena tolti dal forno sono molletti, ma lasciateli raffreddare, infilateli nel frigo e assaggiateli dopo 6/8 ore.

 

Il piatto nella foto è della scuola di Deruta

   kkvkvk56-logo

Minimuffin de fraise et okara de noisette

 (Pas de gluten, sans oeuf, sans levure, sans lactose, IG bas)

Alors Sandy, ça y est, la version en français de mes minimuffins.

C’est tout moelleux.

C’est goûteux.

C’est simple. Minimuffin alla fragola e okara kkvk (3)

Temps

15 minutes pour le préparer + 30 de cuisson

Ingrédients pour 24 muffins
120 gr de okara (de noisette)
120 g de chocolat noir (70% de cacao)
180 g de fraises propre
60 gr de noisette hachées

5 cuillères à soupe de sirop d’agave
1 cuillère à soupe de yaourt de soja

Cuisson

30 minutes 150 degrés

Préparation

Laver, équeuter les fraises et les couper en quatre. 

Réduire le chocolat en carrés et  le mixer grossièremen dans le bol d’un mixer.

Dans un autre bol mélanger la okara de noisettes, le sirop d’agave, les noisettes et le yaourt de soja. Ajouter les fraises et le chocolat. Répartir la pâte dans les 24 caissettes à minimuffins

Préchauffer le four à 150°C. Enfourner les minimuffins pour 30 minutes.

Laisser refroidir e mettre au frais au moins 6/8  heures.

Minimuffin alla fragola e okara kkvk (2)