Cake Halloween – quinoa e zucca! ig bassissimo

cake-quinoa-e-zucca-4

Tutto pronto per domani sera? Spero di sì, nel frattempo eccovi una cake di zucca – gluten free.

La base di queste tortine salate è versatile e la potete farcire come vi pare, oppure adattare a una teglia più grande. In questo caso raddoppiate le dosi.

happy-halloween-free

Ingredienti:

Dosi per 4 cake da 9 cm di diametro

Base
50 g quinoa
2 cucchiaini di senape
1 albume

Farcia
150 g zucca
50 g ricotta di capra o di pecora
1 tuorlo
20 g Olio Evo
Pepe
Formaggio grana grattugiato

Cottura

170 gradi
10 + 20 minuti

Preparazione:

Fate cuocere la quinoa in acqua salata per 12/15 minuti e lasciatela gonfiare a fuoco spento per altri 10 minuti. Scolatela.

In una terrina versate la quinoa cotta e raffreddata, l’albume e la senape.

cake-quinoa-e-zucca-1

Amalgamate il tutto e versate in quattro formine tonde che avrete precedentemente foderato con una sagoma di carta forno.

Schiacciate bene il composto sul fondo aiutandoci con il dorso di un cucchiaio e infornate a 170 gradi per 10 minuti.

Nel frattempo tagliate la zucca a pezzettini, amalgamatela con la ricotta, l’olio Evo e il tuorlo.

cake-quinoa-e-zucca-2

Estraete dal forno le basi e dividete la farcia nelle quattro formine. Spolverate con abbondante parmigiano e con pepe.

Infornate per altri 20 minuti a 170 gradi.

cake-quinoa-e-zucca

Injera – pane etiope glutenfree

pane-injera-4

L’injera di farina di teff è un tipico pane azzimo etiope che in Africa costituisce la base di molte ricette, povero di carboidrati e ricco di proteine.

Con l’injera si accompagnano carne e verdure, e si usa per raccogliere il cibo dal piatto, come una posata.

Il teff non contiene glutine.

Ingredienti

100 g farina di teff
150 g acqua
Sale qb

pane-injera-2

Preparazione

In una terrina mescolate gli ingredienti fra loro.

Coprite e lasciate a fermentare per un periodo che oscilla dalle 12 ore ai 3 giorni.  

Dalle foto potete vedere come la pastella, pur senza utilizzare lievito, fermenta e si gonfia. Sopra ho fotografato la fermentazione dopo 12 ore, sotto quella delle 24 ore, poco prima di cuocerla.

pane-injera-3

Mescolate bene prima di cuocere.

Scaldate una padella antiaderente leggermente unta e fate scendere un po’ di composto.

Cuocete qualche minuto da un lato, poi con una padella girate dall’altro.

Con i grani di teff si può preparare un teffotto (similrisotto), o utilizzarli per una ricetta dolce.

pane-injera-1

Marmellata prugne cioccolato ( cottura spidy )

Marmellata prugne e cioccolato (4)

Ingredienti

500 g prugne
150 g zucchero integrale di cocco o altro low ig
100 g cioccolato fondente – minino 72% di cacao
100 ml acqua
1 cucchiaino colmo di agar agar

 

Marmellata prugne e cioccolato (2)

Cottura

15 minuti

Preparazione

Lavate e denocciolate le prugne, mettetele in una pentola con lo zucchero e l’acqua. Mescolate per bene.

Fate cuocere a fuoco dolce per 15 minuti. Spegnete il fuoco.

Estraete dalla pentola alcune mestolate di composta. Immergete il mixer nella pentola e frullate il tutto.

Quindi versate nella pentola la parte che avete tolto. In questo modo la marmellata manterrà dei bei pezzettoni di frutta.  Se invece amate una composta omogenea frullatela tutta.

Prelevate un bicchierino di marmellata, sciogliete l’agar agar – molto molto bene -, poi versate nella pentola e amalgamatelo.

Marmellata prugne e cioccolato (3)

Riducete a quadrotti il cioccolato, aggiungetelo alla marmellata e mescolate fino a farlo sciogliere. (Se nel frattempo si fosse raffreddata troppo accendete il fuoco per alcuni minuti.)

Riempite i vasetti di conserva, chiudeteli e metteteli a raffreddare a testa in giù su una superficie di legno fino a che non avranno formato il sottovuoto.

Marmellata prugne e cioccolato (1)

Semifreddo cioccolato e noci

semifreddo cioccolato noci (4)

Per la rubrica #dolcisenzaforno ecco a voi un fresco semifreddo.

Ingredienti:

Dose per una pirofila da 20 c 20 cm
100 g cioccolato fondente cacao 72% minimo
100 ml panna vegetale (soia o cocco)
50 g sciroppo d’agave
3 uova
2 cucchiai crema di mandorle
1 cucchiaio amaretto o Rum
50 g noci – peso da sgusciate

semifreddo cioccolato noci

Preparazione:

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato diviso a quadrotti con la panna e lo sciroppo d’agave.

In una terrina mescolate i tuorli con l’amaretto, la crema di mandorle  e parte delle noci sbriciolate (tenetene alcune intere per la decorazione).

Unite al composto il cioccolato fuso mescolando velocemente.

semifreddo cioccolato noci (2)

Montate gli albumi a neve e incorporarli.

Foderate con carta forno una pirofila e svuotate il composto. Mettete nel congelatore per almeno tre ore prima di servire.

Potreste fare a meno del liquore, anche se è indispensabile per mantenere il semifreddo morbido.

Le dosi possono andar bene anche per 6 coppette individuali di semifreddo.

semifreddo cioccolato noci (3)

Teff dolce con mela e lamponi – senza glutine

teff dolce con mele e lamponi (1)

Oggi vi proponiamo un dolce davvero particolare, fatto con il teff.

Teff deriva dall’aramaico teffa=perdita.

Infatti i suoi chicchi misurano meno di un millimetro di diametro e sfuggono dalle mani. Sono piccoli al punto che con una manciata è possibile seminare un intero campo. Il teff è una graminacea – quindi priva di glutine – nota in Eritrea già nel 4000 a.C. Oggi si trova anche in Australia e in India.

Due sono le varietà di teff:  bianco e  rosso.

Quella chiara è la più pregiata perché la sua coltivazione è più complessa.

Data la dimensione del chicco, nella macinazione è impossibile separare le varie parti, di conseguenza la farina che se ne ricava è sempre integrale.  Tradizionalmente in Africa la farina di teff veniva, e viene ancora, impiegata nella produzione dell’injera o enjera  pane a fermentazione batterica.

teff dolce con mele e lamponi (2)

Ingredienti

150 g teff chiaro
200 ml latte di capra o soia
1 mela
4 cucchiai di zucchero di cocco o altro low ig
1 busta di vanillina
4 cucchiai di crema di mandorle
150 g lamponi

Cottura

30 minuti

Preparazione

Mettete il teff in ammollo già la sera precedente, al mattino scolatelo e fatelo cuocere nel latte  allungato con acqua assieme allo zucchero e alla vanillina.

A metà cottura aggiungete la mela sbucciata e tagliata a pezzetti. Appena spento il fuoco mescolate la crema di mandorle e  dividetelo in quattro vasetti o coppe da macedonia.

Fate raffreddare e prima di servire decorate con i lamponi.

teff dolce con mele e lamponi

Merendine al cioccolato (no glutine, no lievito, no latte, ig bassissimo )

merendine veg alla marmellata

Questa ricetta partecipa al contest  “Dieta Mediterranea? Sì grazie” indetto dall’Azienda Ospedaliera Federico II di Napoli

Ingredienti

Per n 12 merende
100 g farina di mandorle
160 g uova intere
60 g zucchero di cocco o altro low IG
Limone bio – un pezzetto di buccia
Sale – un pizzico

Farcitura
Marmellata dolcificata con zucchero low IG

Glassa
100 g cioccolato fondente
50 g latte di soia

Cottura
25 minuti
170 gradi

Preparazione

Mettete nel boccale della planetaria o del mixer lo zucchero di cocco con il sale e la buccia di limone. Fate frullare molto velocemente in modo che lo zucchero si polverizzi e si mescoli con il sale e la buccia del limone. Vuotate in una terrina aggiungete le uova intere. Mescolate il tutto con la frusta per 10 minuti almeno. In ultimo aggiungete delicatamente all’impasto la farina di mandorle.

Versate il composto in una teglia, meglio se rettangolare e infornate per 25 minuti a 170 gradi.

merendine veg alla marmellata (4)

A cottura ultimata estraete dal forno e lasciate raffreddare.

Quindi tagliate a metà e farcite di marmellata – la mia è di lamponi.

merendine veg alla marmellata (5)

Tagliate la tortina farcita così ottenuta in tranche, a me ne sono venute 12 che misurano 3 x 8 cm .

Accostate le merende le une alle altre su un piano e preparate la glassa. Sciogliete a bagno maria la cioccolata – divisa a quadrotti –  assieme  al latte. Mescolate con una forchetta fino a che non si formerà una crema compatta.

Fate scendere delicatamente la glassa sulle merende colandone poca alla volta a filo, in modo che si raffreddi più facilmente.

merendine veg alla marmellata (1)

Fate rapprendere un paio di minuti poi separatele, altrimenti quando il cioccolato sarà del tutto raffreddato le troverete incollate fra loro.

merendine veg alla marmellata (3)

2016 csontestdietamediterranea_banner